SCLEROTERAPIA TRIDIMENSIONALE O “RIGENERATIVA”


La fleboterapia rigenerativa tridimensionale (T.R.A.P.) è una terapia iniettiva molto simile alla scleroterapia classica della quale ha le medesime indicazioni. Rispetto a quest’ultima ha però un’azione “rigenerativa”, anzichè obliterativa. In questo caso vengono iniettati tutti i vasi visibili e non solo i vasi chiaramente patologici, allo scopo di “curare” innanzitutto i vasi dai quali origina il difetto. Il risultato è dipendente dalla quantità di farmaco iniettata, di conseguenza il dosaggio farmacologico è superiore rispetto alla scleroterapia classica, ma il vantaggio di questa tecnica è che permette di restaurare il circolo superficiale e perforante, rispettando l’integrità anatomica e funzionale del circolo.

Come si svolge

Il farmaco utilizzato è il salicilato di sodio al quale può essere aggiunto dell’anestetico. Le sedute sono molto simili a quelle della scleroterapia classica e vengono programmate a cadenza quindicinale, per un numero totale di sedute che varia a seconda del grado di compromissione del circolo. 
La biscleroterapia regionale tridimensionale è estremamente efficace sia nella couperose che nelle ectasie venose e capillari degli arti inferiori, dove consente di ottenere una sclerosi estetica e funzionale senza complicanze. 

Indicazioni, controindicazioni, consigli e tempi di recupero

Sono le stesse della scleroterapia classica. I pazienti allergici all’acido acetilsalicilico vengono esclusi dal trattamento. Gli effetti collaterali sono gli stessi della scleroterapia classica ma occorrono ancora più raramente.