TRATTAMENTO DELL’IPERIDROSI CON TOSSINA BOTULINICA

L'iperidrosi si verifica per l'eccessiva funzionalità delle ghiandole sudoripare.

La tossina botulinica, bloccando il rilascio della sostanza che "aziona" le ghiandole, ne inibisce la funzione.

Il trattamento dell'iperidrosi con tossina botulinica si è dimostrato una valida alternativa a metodiche chirurgiche più invasive che seppur diano risultati permanenti possono essere gravati, raramente, da alcuni effetti avversi quali sudorazione compensatoria a schiena, addome o gambe).

La procedura è molto semplice e consiste in una serie di iniezioni intradermiche di botulino sulla superficie interessata: ascella, palmo della mano o pianta del piede. Laddove risultasse particolarmente fastidioso, è possibile anestetizzare l'area. Al termine del trattamento il paziente può tornare immediatamente alle proprie attività.

L'effetto, raggiunge l'apice in 10-14 giorni e dura circa 6 mesi.